Pasqua, sì a visite a parenti ed amici. Si può andare all’estero ma non in un’altra regione

30 Marzo 2021

Per le regioni “arancioni” crescono le limitazioni, per l’Emilia Romagna, in fascia rossa da ormai due settimane, la novità delle festività pasquali (3-4-5 aprile), quando tutta l’Italia scivolerà in zona rossa, riguarda la possibilità di fare visita a parenti e amici.

VISITE A PARENTI E AMICI – Sabato 3, domenica 4 e lunedì 5 aprile, tra le 5 le 22 una volta al giorno, si potrà fare visita a parenti e amici, in una sola casa privata all’interno della regione spostandosi, in due persone (si possono portare minori di 14 anni, persone disabili o non autosufficienti). Non c’è un numero massimo di persone che si possono invitare a casa, ma gli scienziati raccomandano di non ospitarne più di due (e di tenere la mascherina).

SPOSTAMENTI – Gli spostamenti in zona rossa sono consentiti solo per lavoro, salute, necessità con autocertificazione. Consentito il ritorno a residenza, domicilio o abitazione.

SECONDE CASE – Lo spostamento verso una seconda casa di cui si ha la proprietà o l’affitto lungo prima del 13 gennaio 2021 è sempre consentito, unicamente col nucleo familiare e se non sono abitate da altre persone. Si possono raggiungere le seconde case anche in un’altra regione e anche in zona rossa. Ci sono però alcune Regioni che hanno emesso ordinanze che lo vietano espressamente.

CHIUSURE – Bar e ristoranti chiusi mentre è consentito il servizio a domicilio e asporto (fino alle 18 bar, alle 22 altri). Chiusi cinema, teatri, palestre, piscine, centri sportivi.  Chiusi i negozi – anche parrucchieri, barbieri, centri estetici. Aperti i servizi essenziali.

SPORT – Sì può attività motoria vicino casa e sportiva nel comune, da soli e all’aperto.

MESSA – Rimane consentito andare a messa, scegliendo il luogo di culto “più vicino” a casa.

TURISMO – Fa discutere in questi giorni la possibilità di viaggiare all’estero per turismo in alcuni paesi mentre nei confini nazionali non è consentito il turismo. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha dichiarato che comunque il ministero sconsiglia di andare all’estero. Il ministro della Salute Roberto Speranza a breve dovrebbe firmare un’ordinanza che dispone per arrivi e rientri da Paesi dell’Unione Europea, tampone in partenza, quarantena di 5 giorni e ulteriore tampone alla fine dei 5 giorni. La quarantena è già prevista per tutti i Paesi extra Eu.

“C’è un senso di stanchezza diffuso – ha dichiarato il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese – soprattutto i più giovani iniziano a sentire il peso di una situazione di incertezza generalizzata che si protrae da oltre un anno. Ma dobbiamo tutti stringere i denti perché la campagna di vaccinazione è entrata in una fase cruciale. Non è il momento di abbassare la guardia, dobbiamo essere estremamente responsabili anche in vista della Pasqua”.

IL SERVIZIO DI NICOLETTA MARENGHI 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà