Spariti due angeli dalla chiesa di Ottone: “Uno schiaffo dato al cielo”

13 Aprile 2021

È domenica sera, la messa è ormai finita, ma prima di uscire dalla chiesa di San Marziano una parrocchiana decide di rivolgere l’ultima preghiera alla Madonna della Salute a Ottone. Si avvicina alla cappella votiva laterale, ma qualcosa non le torna, manca qualcosa, qualcuno di caro: “Gli angeli! I nostri angeli! Dove sono finiti?”, chiede a gran voce, e intanto intorno a lei arrivano in tanti, arrivano pure i carabinieri, ma gli angeli fatti di legno e con rifiniture d’oro sono spariti nel nulla. Mano ai telefonini, si scorrono le gallerie di foto per cercare tra le celebrazioni recenti, “Ecco il 7 marzo c’erano ancora i nostri angeli”, dice qualcuno, mentre si cercano segni di forzature alle serrature, “Ma non c’è niente, i ladri saranno entrati di giorno, quando la chiesa è aperta”. Monsignor Aldo Maggi ne è sicuro: “A Ottone la devozione per la Madonna della Salute è altissima, nessuno qui toccherebbe quella cappella”, spiega. “Vederla senza gli angeli è stato quasi un trauma, per alcuni”. “Erano già stati rubati”, spiega Attilio Carboni, storico locale. “Don Enrico Barattini aveva provveduto a farli rifare, a rimpiazzare quelli rubati negli anni Sessanta. Questo ennesimo atto ci impoverisce, è stato uno schiaffo al cielo”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà