Vaccini: a Piacenza un solo caso di reazione allergica su 87mila dosi somministrate

17 Aprile 2021

Sono circa 87mila le dosi somministrate nella nostra provincia dall’inizio della campagna vaccinale, mentre i piacentini ad avere concluso il ciclo, coloro ai quali è stato inoculato anche il richiamo, sono 27mila.
Sul totale, circa il 18% (quasi 16mila) sono le dosi di AstraZeneca ricevute dai pazienti, il farmaco a vettore virale intorno al quale si avverte da parte della popolazione maggiore perplessità. Eppure se si guarda agli effetti indesiderati, molto pochi per numero e intensità, sono di più le segnalazioni riguardanti Pfizer BioNTech rispetto a quelle di AstraZeneca. Nel Piacentino non si è registrato alcun caso di trombosi e in nessuna occasione è stato necessario il ricovero ospedaliero in seguito alla vaccinazione.

A Piacenza si è verificato solo un caso di debole reazione allergica da Pfizer, a cui se ne aggiunge un altro ancora più leggero. Caso raccontato da Franco Pugliese, direttore del Dipartimento Sicurezza dell’Ausl. “Si tratta di una signora già classificata come allergica – spiega – che ha manifestato gonfiore alle labbra e difficoltà di respirazione. Le sono stati somministrati due farmaci necessari e dopo cinque minuti stava già bene. Per massima precauzione l’abbiamo condotta in ospedale per tenerla sotto osservazione, ma solo mezz’ora dopo è potuta tornare a casa”.
Tutte le segnalazioni di eventi indesiderati, fa sapere l’Ausl, sono inviati ad Aifa (Agenzia italiana del farmaco), ma per quanto risulta agli operatori sanitari che quotidianamente prestano servizio nei poli vaccinali della provincia le reazioni più comuni non vanno oltre a lievi stati febbrili di breve durata – al massimo un paio di giorni – trattati con antipiretici, oppure a dolori muscolari e ossei, o ancora un po’ di spossatezza.

Per le persone più fragili le vaccinazioni proseguono anche a domicilio. “Restano circa 2.000 persone da vaccinare a casa, molte con più di 80 anni” ha confermato Luca Baldino, direttore generale dell’Ausl.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà