Emporio solidale, triplicate le famiglie da sostenere. Ecco le borsine della solidarietà

04 Maggio 2021

Nel febbraio 2020, prima che scoppiasse la pandemia da Covid, l’Emporio Solidale di Piacenza “sosteneva” una settantina di famiglie. Oggi si va verso i duecento nuclei da aiutare. Numeri che danno la dimensione di quanto l’emergenza sanitaria abbia influito sulla crisi economica e la perdita di lavoro.

“Sono aumentate le richieste di aiuto – spiega Lidia Frazzei, care manager dell’Emporio – solo stamattina, 4 maggio, sono entrate dodici nuove famiglie. La difficoltà sta nel fatto che non c’è un ricambio. Le persone che sosteniamo, con l’arrivo del Coronavirus, non sono riuscite a trovare lavoro e quindi non hanno i mezzi per il sostentamento”.

Sono tante e diverse le iniziative organizzate da Emporio Solidale per farsi conoscere dalla cittadinanza e, per restituire tutta la generosità ricevuta, ha deciso di mettere in campo un nuovo progetto ideato dal responsabile della struttura Marco Tondini. Sono state realizzate borse della spesa personalizzate e uniche, con il logo dell’Emporio. Ogni borsa, creata dai volontari, è diversa dall’altra. Le borsine si possono reperire presso la sede di via Primo Maggio, 62 e presso “La Pecora Nera” di via Legnano, a Piacenza. I volontari stanno però cercando di trovare altre sedi e realtà con cui collaborare.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà