Svaso diga di Boschi, sit in ambientalista a Marsaglia: “Posticipare a fine estate”

15 Maggio 2021

“Basta fango in Aveto e in Trebbia”: davanti al municipio di Marsaglia, questa mattina, sabato 15 maggio, Legambiente Piacenza, NoTube e Wilderness Piacenza hanno promosso una manifestazione per chiedere a Enel di posticipare l’operazione di svuotamento e riparazione della paratoia sul fondo della diga di Boschi previsto a partire dal 18 maggio e che durerà tutta estate.

Al sit in hanno partecipato circa 40 persone.

“I motivi della richiesta – osservano le associazioni ambientaliste – derivano dalla preoccupazione che la colata di fango che può fuoriuscire dalla diga, sia durante lo svuotamento, sia a causa dei possibili temporali che potranno svilupparsi nell’area nei sei mesi di lavori, possa produrre due effetti devastanti: riempire di fango l’Aveto e il Trebbia e danneggiare la fauna ittica nel periodo più delicato della riproduzione in corso in primavera. Ma soprattutto non ci possiamo permettere, dopo più di un anno di pandemia, di compromettere la stagione turistica che può rappresentare la ripresa della Val d’Aveto e Val Trebbia”.

Da queste motivazioni nasce la richiesta, da parte degli ambientalisti, ma anche di alcuni sindaci della valle, di posticipare le operazioni a fine estate, pur riconoscendo la necessità di effettuarle.
“Ci auguriamo che in questi ultimi giorni ci possa essere un ripensamento da parte di Enel – proseguono -. Se ciò non accadesse, per rendere credibili le assicurazioni date da Enel che non ci sarà fuoriuscita di fango, chiediamo che prima di intervenire sugli scarichi si svuoti la diga da tutto il fango contenuto con mezzi meccanici (se il fango venisse rimosso, non potrebbe scendere a valle anche durante possibili piene), chiediamo di misurare istantaneamente il livello di torbidità dell’acqua e l’ossigeno disciolto, e in caso di superamento dei limiti, interrompere immediatamente i lavori ed infine di interrompere le operazioni di notte”.

IL SERVIZIO DI RICCARDO FOTI

 

 

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà