Battiato: la casa a Bobbio dove scriveva le canzoni. Il concerto storico all’ex Pertite

18 Maggio 2021

Aveva un legame particolare di affetto con la Val Trebbia, il cantautore e regista Franco Battiato, morto oggi, 18 maggio, all’età di 76 anni. La sua scomparsa, nonostante fosse malato da tempo, ha suscitato cordoglio nel mondo dello spettacolo, della musica e dell’arte. Battiato era rimasto talmente colpito dalla bellezza delle nostre colline che, negli anni ’90, aveva acquistato casa a Bobbio, (successivamente venduta) sulla strada che porta a San Cristoforo. Una villetta che utilizzava per ritirarsi e comporre le sue canzoni. “Era un uomo molto riservato – spiega il sindaco Roberto Pasquali – di rado lo si incontrava in centro, ma era sempre gentile e disponibile”. Il cantautore era rimasto incantato dalla vallata che lo stesso scrittore e premio Nobel Hemingway aveva descritto “la più bella del mondo”. Tra le colline piacentine il compositore aveva trovato la pace che cercava. 

Battiato era legato da una stretta amicizia con il regista piacentino Marco Bellocchio, tanto che, nell’estate 2006, aveva messo da parte la sua riservatezza per partecipare al Bobbio Film Festival e presentare la sua creatura: Musikanten. In quell’occasione, intervistato da Libertà, disse: “Bellocchio è rimasto uno dei pochi in Italia a far cinema con la C maiuscola, perché non si è fatto condizionare da sgradevoli esempi di imitazione della realtà”. Il fratello di Battiato, Michele, è sposato con una bobbiese: “Franco è stato fino agli ultimi giorni con me e mia moglie” – ha dichiarato.

Il cantautore si era esibito diverse volte anche a Piacenza. Quella più memorabile risale al 1982 quando, per la prima volta, fu aperta l’ex Pertite per ospitare un concerto. Fu un successo di pubblico con oltre 40mila persone presenti. E’ stato l’unico concerto realizzato in quell’area. Anni prima, nel ’73 Battiato si esibì ai Filodrammatici. Molto applaudito fu il concerto che tenne al teatro Municipale negli anni successivi.

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà