“Noi come voi”, l’omaggio dei portalettere di Caorso ai corridori del Giro d’Italia

27 Maggio 2021

Hanno voluto inviare un messaggio speciale ai ciclisti del Giro d’Italia che sono passati nel pomeriggio a poche decine di metri dal loro luogo di lavoro di Via Molinazzo. I portalettere del centro di distribuzione di Caorso avevano infatti preparato per l’occasione un cartellone raffigurante le foto (una d’epoca e l’altra attuale) di due colleghi in bicicletta e una scritta che recitava “Noi di Poste come voi: ogni giorno una tappa tra pianure, colline e montagne. I portalettere di Caorso salutano il Giro d’Italia”.

Presso lo stabilimento di Caorso lavorano 28 addetti tra portalettere e operatori interni, diretti da Maurizio Beltrano, che servono un ampio bacino territoriale che, oltre a Caorso, comprende i comuni di Pontenure, Carpaneto Piacentino, Villanova sull’Arda, San Pietro in Cerro, Monticelli d’Ongina, Besenzone, Cortemaggiore e Castelvetro Piacentino.

Come afferma il responsabile del centro di recapito, “con questa iniziativa abbiamo voluto rendere omaggio ai corridori del Giro, cogliendo l’occasione del passaggio della tappa odierna da Caorso, approfittando anche della vicinanza del percorso al nostro centro di recapito. L’intento era anche quello di rappresentare la nostra empatia nei confronti dei corridori per il loro sforzo atletico su un mezzo, la bicicletta, che è stata a lungo, e in alcune zone è ancora, un veicolo fondamentale nello svolgimento della nostra attività di consegna della corrispondenza”.

Fin dall’inizio della pandemia, quella degli addetti al recapito, ma in generale tutto il personale di Poste Italiane, compreso quello degli uffici postali, è stata una categoria di lavoratori che non si è mai fermata, continuando a svolgere la propria attività nella consapevolezza di prestare un servizio importante per i cittadini. “Quello che abbiamo fatto oggi – prosegue Beltrano – ha rappresentato per tutti noi anche un momento spensierato e beneaugurante segnale di progressivo ritorno alla normalità, che ci ripaga dell’impegno, mai venuto meno nei mesi scorsi, per garantire il recapito nel territorio di nostra competenza, nonostante le difficoltà dovute al Covid. E di questo ringrazio tutti, collaboratrici e collaboratori, per non aver mai mollato e per essere stati, soprattutto durante il lock down, un punto di riferimento e di contatto quotidiano per la gente costretta a rimanere a casa”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà