Due denunce dei carabinieri per porto abusivo di armi. Furto d’aglio a Mucinasso

07 Giugno 2021

Due uomini – un giovane operaio di 23 anni e un uomo di 57 anni – sono stati denunciati, in due distinte operazioni dei carabinieri, per porto di armi od oggetti atti ad offendere.

Il primo caso si è verificato sabato 5 giugno a Rivergaro, quando nel parcheggio di un supermercato lungo la statale 45 i carabinieri della stazione locale hanno controllato un 57enne residente in città, con alcuni precedenti penali, trovandolo in possesso di un tirapugni e un coltello di genere proibito. Le armi bianche sono state sequestrate e l’uomo è stato denunciato per porto di armi od oggetti atti ad offendere.
Domenica 6 giugno verso le 11 la pattuglia della caserma di Borgonovo ha deferito in stato di libertà un giovane operaio di 23 anni, con alcuni precedenti penali, residente in provincia di Piacenza per porto di armi od oggetti atti ad offendere. Dopo averlo fermato per un controllo in viale Fermi a Borgonovo, mentre era alla guida della propria autovettura con a bordo tre passeggeri, i militari dell’arma hanno trovato nel bagagliaio una mazza in legno tipo baseball, lunga circa 50 cm, sottoposta a sequestro.

FURTO D’AGLIO

Una pattuglia della sezione radiomobile di Piacenza è intervenuta domenica sera a Mucinasso per il furto di due sacchi di cime di piante d’aglio, avvenuto in un campo ad opera di due cittadine straniere. I carabinieri hanno rintracciato le due donne, recuperato la refurtiva e restituita al proprietario del terreno.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà