Elezioni Ainpo, Gasparini: “Premiata la condivisione trasversale”

16 Giugno 2021

Si rinnova il consiglio di Ainpo, la nota organizzazione di produttori di pomodoro. Esprime soddisfazione Filippo Gasparini, presidente di Confagricoltura Piacenza: “Vince su tutti i fronti la condivisione ed entrano in Consiglio i candidati della lista condivisa e trasversale, costruita per lavorare per come è nata, ossia per il bene dei produttori di pomodoro, con l’obiettivo di avere un Op forte al loro servizio, a difesa del valore e dell’offerta del prodotto”.

Eletti distretto di Piacenza: Filippo Arata, Giovanni Lambertini, Giorgio Ferrari, Gianmaria Bonetti, Stefano Antonelli, Giampiero Silva. 

Eletti distretto di Parma: Giulia Alessandri, Manuela Ponzi, Daniele Calza, Luca Zavaroni, Paolo Tamani, Luigi Montali. 

Eletti distretto altre province: Giorgio Novelli, Loris Troni, Gianni Sbalchiero

Per il Collegio Sindacale sono stati eletti: Luigi Anceschi, Davide Cetti e Paolo Mutti.

STORIA DI AINPO – L’Ainpo nasce a Parma nel 1975, con l’obiettivo di valorizzare le produzioni ortofrutticole dei propri associati. La propria area operativa, inizialmente limitata alle province di Parma, Piacenza e Reggio Emilia, gradualmente si allarga fino a comprendere Emilia Romagna e Lombardia, con alcune presenze anche in Piemonte, Veneto, Marche ed Abruzzo.

Oggi conta su 344 soci produttori e 2 cooperative, per un totale di 409 aziende associate. Dal 1997, è stata riconosciuta dalla regione Emilia Romagna come “Organizzazione Produttori” e come tale si è data una mission ben precisa: programmare, produrre e valorizzare tutti i prodotti ortofrutticoli, nel rispetto dell’ambiente e secondo criteri basati sulla sicurezza alimentare.

Con una capacità produttiva di circa 400mila tonnellate di pomodoro da industria all’anno, Ainpo è uno dei principali protagonisti in questo settore nel Nord Italia.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà