Insulti social alle maestre “scarcerate”: donna deve pagare 10mila euro

17 Giugno 2021

Una donna di Casalpusterlengo dovrà sborsare quasi 10mila euro fra condanna, risarcimento alle parti civili e spese processuali per aver diffamato, tramite un social, due maestre d’asilo. La sentenza è stata pronunciata mercoledì, 16 giugno, dal giudice Gianandrea Bussi. Una sentenza che ha ricalcato la richiesta del pm Monica Bubba. Due righe e mezzo di insulti rivolti alle maestre dell’asilo della Farnesiana. Il giudice ha condannato a 600 euro di multa come chiesto dal pm e come risarcimento per le parti civili ha stabilito 3mila euro a testa per le maestre. Tutto era iniziato nel maggio del 2017 quando le due professioniste erano state arrestate dai carabinieri con l’accusa di maltrattamenti nei confronti di bambini dell’asilo. Il giudice Giuseppe Bersani dopo due o tre giorni aveva sciolto la custodia cautelare, decisione che aveva suscitato polemiche sui social. La polizia postale aveva individuato 160 profili di persone che avevano diffamato le due donne. Quasi tutti hanno conciliato con 200 euro di multa, la donna di Casalpusterlengo aveva però scelto la via processuale sfociata nella condanna.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà