Servizi pubblici, sindacati contro l’esternalizzazione delle attività

30 Giugno 2021

L’imminente entrata in vigore dell’articolo 177 del codice degli appalti obbliga le aziende che gestiscono i servizi pubblici essenziali ad appaltare almeno l’80% delle attività svolte oggi da personale interno.

“E’ una norma pericolosa che andrà a discapito dei cittadini e dei lavoratori – spiegano Fp Cgil, Fit Cisl e Uil trasporti – l’esternalizzazione forzata delle attività renderà vulnerabili i sistemi dei servizi, consegnandoli nelle mani di mercati esterni”. Questa la motivazione per la quale lavoratori e rappresentanti sindacali si sono dati appuntamento, il 30 giugno, davanti alla sede di Iren Piacenza.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà