Cava di Albarola, il Comune di Ponte dell’Olio nella Conferenza dei servizi

01 Luglio 2021

Il Comune di Ponte dell’Olio prenderà parte alla Conferenza dei servizi per il rinnovo della concessione dell’attività di estrazione di marna cementiera alla miniera di Albarola di Vigolzone. Lo ha comunicato nel consiglio comunale dell’altra sera il sindaco Alessandro Chiesa, informando che il rappresentante dell’amministrazione in seno a tale organo sarà il vicesindaco Fabio Callegari.

Ponte dell’Olio non è direttamente interessato dall’attività estrattiva, ma si trova a pochi metri dall’area di miniera ed è interessata dal passaggio quotidiano dei camion sul ponte del Nure.

La Conferenza dei servizi, che alla data odierna non è ancora stata convocata, si pronuncerà sull’effettiva attivazione della miniera previa Valutazione di impatto ambientale.

La società Buzzi Unicem ha infatti chiesto il rinnovo della concessione mineraria presentando lo studio di impatto ambientale del progetto di ampliamento della cava di Albarola.

In consiglio comunale a Ponte dell’Olio, il gruppo di minoranza “Insieme per cambiare il futuro”, rappresentata nell’occasione dal consigliere Marco Rossi, ha chiesto all’amministrazione di attivarsi per una verifica della capacità strutturale del ponte sul Nure e per ottenere una centralina Arpae per il controllo delle Pm10 e Pm2 in quella zona “visto il traffico aumentato notevolmente”. Il sindaco Alessandro Chiesa ha informato che tutte le istanze, che riguardano l’aspetto ambientale e il problema strutturale del ponte, saranno portate nelle sedi opportune.

“Il ponte è in evidente sofferenza – dice il sindaco – ed è sotto osservazione anche da parte di Anas”. Il primo cittadino ha inoltre informato dell’intenzione di dotarsi di una centralina per rilevare le particelle inquinanti.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà