Covid, un’estate inaspettata: quarantene quintuplicate, quasi 700 piacentini in casa

18 Luglio 2021

Il Covid, attraverso la variante Delta, segna un’estate da fuori programma. Nonostante la campagna vaccinale in corso, 683 piacentini si trovano oggi in quarantena: oltre il 500 per cento in più rispetto ai 102 cittadini in isolamento tra le mura di casa alla metà di luglio dell’anno scorso.

“Dall’11 al 17 luglio del 2020 – spiega Marco Delledonne, direttore del dipartimento di sanità pubblica dell’Ausl di Piacenza – 102 uomini e donne, in città e provincia, risultavano in quarantena, mentre il bollettino epidemiologico riportava nove infezioni totali nell’arco dei sette giorni. Nello stesso periodo di quest’anno, invece, gli isolamenti attivi sono 683 e i positivi 111. Anche se, va detto – puntualizza Delledonne -, adesso le quarantene includono anche una fetta di viaggiatori rientrati dall’estero”.

Fatto sta che oggi molti piacentini vivono il “cuore” dell’estate in isolamento. Tra loro c’è Emma Zadro, 20 anni, studentessa universitaria: “Di recente, insieme a mio cugino – racconta – ho incontrato un ragazzo che è risultato positivo al Covid, perciò l’Ausl mi ha comunicato la necessità di entrare in isolamento fiduciario in attesa del doppio tampone negativo per poi tornare alla normalità. Ho dovuto rinunciare a un viaggio in Olanda in vista del mio trasferimento lì a settembre per motivi di studio, ma gli imprevisti fanno parte della vita”.

Alessandro Andrina, 26 anni, è invece rimasto “intrappolato” dopo un torneo di calcetto organizzato la scorsa settimana: “Nella squadra rivale è stato riscontrato un caso positivo e anch’io sono finito in isolamento. Però non capisco perché, pur essendo già vaccinato con entrambe le dosi anti-Covid, devo comunque restare in quarantena. Che senso ha?”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2022 Editoriale Libertà