Covid, l’appello di Donini: “Rischio ricovero 10 volte maggiore tra i non vaccinati”

02 Settembre 2021

“Vaccinatevi il prima possibile” E’ l’appello dell’assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini che, dati alla mano, ha illustrato il monitoraggio dell’impatto della campagna di vaccinazione in Emilia-Romagna negli ultimi 7 mesi con i dati di incidenza della pandemia, e dei relativi rischi di contagio e di finire in ospedale, tra chi ha fatto il vaccino e chi no.

Il rischio di contrarre il virus Covid per le persone non vaccinate è di 5 volte superiore rispetto a quelle che hanno ricevuto il vaccino; quello di essere ricoverati in ospedale e di un valore che sta tra le 9 e le 13 volte superiore; Dieci probabilità in più di finire in terapia intensiva e di 5 volta maggiore il rischio di decessi, sempre per chi non ha fatto il vaccino in confronto alle persone vaccinate.

Negli ultimi 30 giorni le ospedalizzazioni hanno riguardato 1,2 casi su 10mila tra le persone vaccinate, contro gli 11,1 casi dei non vaccinati, mentre da fine giugno a fine agosto la pandemia ha colpito prevalentemente la fascia di età dei non vaccinati tra i 12 e i 39 anni.

Numeri che assieme alla disponibilità di dosi e di punti vaccinali hanno indotto l’assessore Donini a lanciare un appello a chi ancora non si è sottoposta alla vaccinazione.

“Il vaccino offre una protezione al contagio dell’87% – ha spiegato -; del 94% sul rischio ricovero e del 95% sulla possibilità di decesso o di ricovero in terapia intensiva”.

“Vaccinatevi il prima possibile – ha proseguito Donini – per evitare di essere coinvolti in una nuova ondata in autunno. Ora siamo passati da una modalità su prenotazione a quella di presentazione. Quindi è sufficiente recarsi a uni dei tanti punti vaccinali, anche quelli mobili sulle piazze e sulla fiere, per ricevere il vaccino”.

Donini ha spiegato anche che chi si è già prenotato può comunque anticipare la somministrazione presentandosi direttamente al punto vaccinale, e che dal 9 settembre sarà possibile ricevere la dose anche in farmacia.

LO STUDIO DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà