Province più colpite dal Covid, crolla la speranza di vita: a Piacenza -3,3 anni

06 Settembre 2021

La diffusione della pandemia da Covid-19 e il conseguente aumento della mortalità ha interrotto la crescita della speranza di vita alla nascita che aveva caratterizzato il trend fino al 2019. Anche nel Piacentino, fortemente segnato dai decessi causati dal virus. Attestata a 80,4 anni nel 2004 era salita a 82,6 dopo 10 anni, toccando gli 83,4 anni nel 2019. Poi il tracollo: lo scorso anno infatti è crollata a 80,1: 77,6 anni per gli uomini e 82,7 per le donne. Quindi 3 ,3 anni in meno. Lo rileva l’Istat nel rapporto ‘Misure del Benessere equo e sostenibile dei territori’.
Un calo decisamente superiore alla media nazionale, attestata a 82 anni (79,7 anni per gli uomini e 84,4 per le donne) in calo di 1,2 anni. A a livello provinciale i territori maggiormente colpiti sono Bergamo, Cremona e Lodi, che hanno registrato un calo per gli uomini di 4,3 e 4,5 anni.
Questi cambiamenti – scrive l’Istat – “portano modifiche importanti nel ranking della speranza di vita per provincia, con Lodi, Bergamo, Cremona, Brescia, Piacenza e Parma che. rispetto al 2019, perdono più di 50 posizioni”.
L’intera base di dati, insieme al glossario completo, è resa disponibile sul sito dell’Istat nella sezione “benessere e sostenibilità”, al link il Bes dei territori.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà