Castel San Giovanni: la centrale Enel Amaldi taglia il traguardo dei 50 anni

18 Settembre 2021

La centrale Enel Amaldi di Castel San Giovanni taglia il traguardo del mezzo secolo di vita. Era il 1971 quando terminarono i lavori che portarono alla costruzione di quella che, ancora oggi, è un punto di riferimento a livello nazionale per tutte le centrali a gas. Nata come centrale a olio combustibile, e quindi parecchio inquinante, a inizio anni Duemila avvenne il passaggio alla tecnologia a gas (ciclo combinato), con l’installazione di quattro turbine da 381 megawatt in grado di produrre (dato al 2020) tre gigawattora di energia all’anno. Da gennaio di quest’anno alla guida dell’impianto c’è Alberto Marini, 41enne ingegnere meccanico. “Quella di Castel San Giovanni – dice – è sempre stata e lo è tutt’ora un riferimento per la tecnologia a gas, e quindi per tutte le restanti centrali a ciclo combinato. È quella più grande e ha sempre avuto personale molto compente”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà