Caorso, ripresi i trasporti di fanghi e resine. Dalla centrale Arturo partiti 192 fusti

22 Settembre 2021

 

Quattro container con all’interno 48 fusti ciascuno hanno lasciato all’alba del 21 settembre la centrale nucleare di Caorso con destinazione Slovacchia.  Dei 5.800 fusti inizialmente stoccati nei depositi temporanei dell’impianto, ne sono stati trasferiti ad oggi poco più di 3.700.

Dopo 21 settimane, riprendono i trasporti dei fusti contenti fanghi e resine a scambio ionico esaurite, verso l’impianto Javys di Bohunice, in Slovacchia. I trasferimenti sono fermi dallo scorso 22 aprile (data dell’ultima partenza).

Resine e fanghi, in Slovacchia, vengono sottoposti a incenerimento. Le ceneri prodotte vengono poi condizionate e inserite in cialde, a loro volta inglobate in una matrice cementizia all’interno di contenitori di acciaio inox da 440 litri. Così facendo, il volume dei rifiuti si ridurrà di circa il 90 per cento (130 metri cubi rispetto all’iniziale volume di 1.290 metri cubi) e i manufatti finali realizzati risulteranno idonei al conferimento al Deposito Nazionale.

 

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà