Inganno della ricarica allo sportello bancomat: 39enne truffato per oltre 4mila euro

24 Settembre 2021

I carabinieri della Stazione di Pianello hanno denunciato per truffa una donna, pregiudicata per reati contro il patrimonio, di 39 anni residente in provincia di Roma, la quale mediante raggiri è riuscita a farsi accreditare su una carta di credito ricaricabile 4.350 euro. La vittima un giovane di 39 anni residente in Alta Val Tidone.

La moglie di quest’ultimo aveva messo in vendita su un sito di e-commerce uno stock di arredamento di antiquariato. Veniva così contattato quasi subito da una donna che si era dimostrata interessata all’acquisto, dichiarandosi favorevole a pagare subito con il sistema “ricarica tasca”. Il giovane quindi si è recato a Borgonovo presso lo sportello bancomat del suo istituto di credito e da lì ha telefonato alla presunta acquirente per ricevere le istruzioni da seguire per il bonifico che doveva essere accreditato.

La donna lo ha invitato ad effettuare più operazioni fino a quando lo sportello automatico non stampava la ricevuta di “fine operazione” fornendogli anche un codice da inserire. Il giovane ha così effettuato nove operazioni da 250 euro per un totale di 2.250 euro, e alla fine dell’ultima operazione lo sportello ha visualizzato il messaggio “operazione fallita” espellendo il Bancomat. La truffatrice ha giustificato il messaggio spiegando che era dovuto al fatto di non aver usato il bancomat della moglie, quale intestataria dell’annuncio e quindi dell’operazione, quindi lo invitava ad inserire altro bancomat.

Il giovane ha quindi effettuato le stesse operazioni con la carta della moglie e con lo stesso codice e importo di prima per altre nove volte ed anche per queste operazioni l’atm ha dato “operazione fallita”.

Solo nella serata, insieme alla moglie, dopo aver controllato tramite home banking i propri conti bancari, ha scoperto tutte le operazioni anomale e si sono resi conto di essere stati truffati. L’uomo si è rivolto ai carabinieri di Pianello, i quali dopo tutti gli opportuni accertamenti e verifiche eseguite sono riusciti a risalire all’intestataria della carta di credito ricaricabile. Si tratta di una giovane donna di 39 anni, con precedenti specifici, che è stata denunciata per truffa.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà