Iren: “700 milioni da investire a Piacenza”. Adeguamenti al termovalorizzatore

11 Novembre 2021

Ammontano a oltre 700 milioni di euro gli investimenti complessivi previsti da Iren in provincia di Piacenza al 2030 di cui circa 375 milioni di investimenti diretti.

La ripartizione prevede circa 40 milioni nella raccolta dei rifiuti (tra Isole ecologiche e contenitori, implementazione dell’innovativo sistema di raccolta Just Iren, mezzi green e sviluppo tariffa puntuale); 135 milioni nello smaltimento dei rifiuti (con ammodernamento e adeguamenti impiantistici al termovalorizzatore di Tecnoborgo, e manutenzioni straordinarie ad altri impianti); circa 15 milioni per lo sviluppo del teleriscaldamento con il collegamento con Tecnoborgo e accumulatori; oltre 100 milioni relativi agli acquedotti (con la costruzione della rete e di impianti, tar cui i contatori intelligenti smart meters e la manutenzione e rinnovamento di impianti e laboratori); circa 50 milioni in revamping di impianti di depurazione; oltre 30 milioni per costruzione e rinnovo di impianti di fognatura; 3 milioni nelle reti gas.

Investimenti che fanno parte dei 12,7 miliardi di euro con i quali Iren prevede, entro il 2030, di raddoppiare il proprio business “ottenendo un Ebitda atteso pari a 1,8 miliardi di euro e un utile di 500 milioni di euro, grazie anche all’ingresso nel perimetro del Gruppo di 7.000 nuovi lavoratori”.

È quanto si legge nel comunicato stampa della multi utility nel quale l’amministratore delegato Gianni Vittorio Armani presenta il nuovo Piano Industriale del Gruppo il cui “impianto strategico poggia le basi su tre pilastri quali la transizione ecologica, la qualità del servizio e la territorialità”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà