Polo logistico a Calendasco: dopo il no del comune confronto con i cittadini

14 Novembre 2021

Progettare uno sviluppo urbanistico senza consumare suolo è possibile. Di questo si è parlato durante l’affollato incontro pubblico organizzato oggi, 13 novembre, nella palestra delle scuole di Calendasco dopo che il Comune ha bocciato il progetto di un polo logistico sul proprio territorio provocando anche il ricorso al Tar da parte di un privato. All’incontro, moderato dalla giornalista Antonella Lenti, hanno preso parte anche Isabella Conti, sindaco di San Lazzaro di Savena nel Bolognese, l’assessore all’urbanistica del comune di Parma Michele Alinovi. Entrambi i due amministratori, ospiti del convegno, hanno contribuito alla stesura della legge regionale sull’urbanistica (2017) che, se da un lato ha consentito al sindaco di Calendasco di trovare appigli per dire no al mega insediamento – “che avrebbe trasformato da Malpaga a Cotrebbia un’unica periferia con un continuo passaggio di camion” – dall’altro, secondo l’urbanista, docente al Politecnico di Milano, Paolo Pileri, presenta tantissime pecche.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà