Il calvario di tante donne colpite dalle malattie femminili “invisibili”

18 Novembre 2021

Le chiamano “malattie invisibili” perché, anche se colpiscono tante donne, se ne parla a fatica. Sono le malattie intime femminili, finite sotto i riflettori della nuova puntata di “Star bene. I giovedì della medicina”.

Da una parte l’incontinenza urinaria che colpisce ben quattro milioni di donne in Italia e almeno il 30 per cento di quelle in menopausa; dall’altra il dolore pelvico cronico. A parlarne insieme alla giornalista di Telelibertà Marzia Foletti sono stati Giulia Ledro, fisioterapista e osteopata, e, in collegamento video, Paolo Di Benedetto, fisiatra e neurologo.

“Il pavimento pelvico è una struttura importantissima che va a chiudere come una conca il bacino perché crea il sostegno per tutti i nostri organi interni – spiega Ledro – le nostre abitudini sono importanti per garantirne il corretto funzionamento”.

“Può succedere che ci sia un abbassamento della vescica e dell’utero determinando il prolasso, ma uno dei primi sintomi è l’incontinenza urinaria – fa notare Di Benedetto – i muscoli perineali hanno quindi una funzione fondamentale nel mantenere gli organi pelvici e nel prevenire il prolasso e l’incontinenza urinaria che interessa almeno il 30 per cento delle donne dopo la menopausa”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà