Obbligo Green pass: potenziati i controlli in locali pubblici e fermate dei bus

03 Dicembre 2021

 

Controlli intensificati nel Piacentino per il Super Green Pass che, secondo la recente circolare del Ministero inviata ai prefetti, entra in vigore dal 6 dicembre.

“Già dai prossimi giorni – fanno sapere dalla Prefettura di Piacenza – saranno potenziati i controlli delle forze dell’ordine, coadiuvate dalle polizie locali”. Inoltre verranno pianificate specifiche azioni congiunte anche con l’Ispettorato Territoriale del Lavoro e l’Ausl. I controlli interesseranno tutto il territorio provinciale e riguarderanno, tenendo conto degli orari e dei giorni di maggiore afflusso di persone e delle aree di maggiore aggregazione:

  • Gli esercizi pubblici e le attività commerciali ed economiche in generale;
  • I locali adibiti a sale da ballo o discoteche e quelli che comunque prevedono lo svolgimento occasionale di eventi danzanti;
  • Le fermate del trasporto pubblico locale di linea.

Le linee guida sono state discusse nella mattinata di ieri, 2 dicembre, dal Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto Daniela Lupo, che si è tenuto alla presenza dei vertici delle forze dell’ordine, dei comuni di Piacenza, Castel San Giovanni e Fiorenzuola, nonché dei rappresentanti dell’Ufficio Scolastico Provinciale, Ausl, Ispettorato Territoriale del Lavoro, Tempi Agenzia e Seta.

Nel corso della seduta, sono state esaminate le nuove disposizioni che hanno esteso l’obbligo del green pass ad alberghi, spogliatoi per l’attività sportiva, servizi di trasporto ferroviario regionale ed interregionale, servizi di trasporto pubblico locale e hanno subordinato lo svolgimento di alcune attività al possesso del green pass rafforzato.

Nei giorni scorsi si sono tenuti degli incontri preparatori con i rappresentanti delle categorie degli operatori economici, con gli operatori del trasporto pubblico locale e regionale e del mondo della scuola, alla luce delle citate novità normative.

“Si procederà al rafforzamento delle attività di controllo già in essere – si legge nella nota della Prefettura – che costituiscono parte del piano redatto a cura del prefetto, che sarà poi declinato in concreto sotto il coordinamento tecnico-operativo del Questore, anche con il concorso delle specialità della polizia, dell’arma dei carabinieri e della guardia di finanza.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà