Pandemia: servono più posti letto per il virus, geriatria riconvertita in reparto Covid

02 Gennaio 2022

L’Ausl serra le fila sotto l’urto di una Omicron super contagiosa e di un San Silvestro che non prometteva nulla di buono. E tanto per cominciare viene riorganizzata l’assistenza ospedaliera. La geriatria dell’ospedale Guglielmo da Saliceto a partire da domani, 3 gennaio, dovrebbe essere convertita in reparto Covid. “La situazione è ancora gestibile” avvertono in sanitari, ma si è già in affanno – ecco la ragione della riorganizzazione – a causa delle lunghe degenze dei ricoverati Covid, seppure con diagnosi non particolarmente gravi.

Proprio l’impeto della malattia impone quella ridistribuzione di posti che toglie risorse ad altre patologie e soprattutto toglie letti. Ci sarà comunque una compensazione all’Ospedale di Castel San Giovanni dove verrà aumentato il numero di letti a carico delle medicine. Si cerca di tenere in pari, per quanto possibile, la bilancia dell’assistenza fra Covid ed extra Covid. In pronto soccorso sono arrivati, a fine anno, 24 pazienti Covid, pochi i ricoverati, ma il segnale di un aumento è sensibile. Anche le farmacie sono state prese d’assalto per i tamponi dopo feste e cenoni.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà