Rincari gas e luce, Federconsumatori chiede più tutele per le famiglie

03 Gennaio 2022

 

In seguito all’aumento dei prezzi previsto in merito alle bollette di luce e gas, la Federconsumatori Emilia-Romagna, in accordo con le altre associazioni dei consumatori, sollecita l’introduzione di una rateizzazione di dieci mesi. Non solo, dal comunicato stampa predisposto dall’ente emiliano si evince la necessità di ripensare da zero, senza pregiudizi, un sistema che offra reali tutele ai cittadini su servizi di prima necessità come il gas e l’energia elettrica.

Federconsumatori chiede di abbandonare l’idea che il libero mercato, contraddistinto tra l’altro da poche garanzie per i cittadini, possa essere la strada giusta da perseguire. Seppur dallo scorso ottobre il governo abbia provveduto a stanziare risorse consistenti per ridurre l’impatto sui bilanci delle famiglie, l’impatto sarà comunque di alta portata.

Il gas rincara del 41,8% e l’energia elettrica del 55%: aumenti che – secondo Federconsumatori – andranno a intaccare soprattutto sulle famiglie che per reddito si collocano appena al di sopra della fascia di povertà e che non hanno diritto a bonus per i quali occorre un Isee inferiore a 8.165€.

Federconsumatori, insieme ad altre associazioni di categoria chiede, inoltre, un intervento anche da parte della regione Emilia-Romagna con l’obiettivo di mettere in campo risorse economiche e interventi sui gestori che operano nel territorio regionale, per scongiurare distacchi di utenze nel periodo invernale.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà