Poste italiane: Piacenza Centro e Fiorenzuola riaperte dopo la sanificazione

10 Gennaio 2022

Dallo scorso venerdì 8 gennaio, gli uffici postali di Piacenza Centro e Fiorenzuola erano chiusi in seguito a segnalazioni di casi di positività al Covid. Nel primo pomeriggio di oggi, Poste Italiane ha comunicato di aver fatto eseguire le dovute sanificazioni degli ambienti e aver ristabilito i servizi annullati durante la mattinata.

L’azienda tiene a rendere noto che “sta continuando a mettere in atto ogni azione necessaria a mantenere alto il livello di qualità del servizio, nonostante la situazione di emergenza sanitaria provochi difficoltà nel garantire il normale accesso nelle sedi. Al momento, infatti, è possibile l’ingresso solo in modo contingentato e in osservanza delle disposizioni sul distanziamento sociale”.

Da Poste Italiane, inoltre, arriva la conferma  che “attualmente, come in tutto il resto d’Italia anche in provincia di Piacenza sussistono casi di contagi tra i dipendenti”. L’azienda riferisce che “il nostro obiettivo è quello di garantire sempre e comunque il servizio ai cittadini, secondo le nostre possibilità organizzative e nel rispetto delle regole a tutela dei lavoratori e dei cittadini”.

Inoltre, è ancora in vigore la convenzione stipulata tra Poste Italiane e l’arma dei carabinieri, in base alla quale i pensionati di età pari o superiore a 75 anni – che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli uffici postali e che riscuotono normalmente la pensione in contanti – possono richiedere, delegando al ritiro i carabinieri, la consegna della pensione a domicilio per tutta la durata dell’emergenza sanitaria, evitando così di doversi recare presso le sedi.

In vista della forte recrudescenza della crisi pandemica e delle gravi ripercussioni che sta avendo sull’operatività di Poste Italiane, l’azienda ribadisce che gli ambienti vengono sanificati regolarmente, quindi non c’è alcun pericolo a recarsi negli uffici postali, anche se ricorda la possibilità di accedere ai servizi digitali a disposizione di tutti i cittadini.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà