Bando regionale: approvati i progetti di Sarmato e Unione Val Nure Val Chero

18 Gennaio 2022

La regione Emilia-Romagna ha annunciato i progetti ammessi al bando “Partecipazione 2021” rivolto a enti locali, soggetti pubblici e soggetti giuridici privati. Le tematiche perseguite dal bando riguardano le politiche in materia sociale, sanitaria, ambientale, territoriale, urbanistica e paesaggistica. Ma non solo, “Partecipazione 2021” ha cercato di premiare anche i progetti con al centro lo sviluppo sostenibile e la transizione digitale.

Sono stati presentati un totale di 70 progetti e di questi la regione ne ha approvati 36: 27 presentati da soggetti pubblici e 9 da soggetti privati. La graduatoria pubblicata dalla Regione è stata formata sommando il punteggio “qualità” assegnato dal Tecnico di garanzia con i punteggi assegnati dall’Area partecipazione della giunta regionale.

Dei 36 progetti approvati dalla regione sono due quelli provenienti dalla provincia piacentina. Il primo denominato “Topo Nero: un parco della sostenibilità a Sarmato” per il quale il comune aveva richiesto un contributo di 15.000€ a fronte di una spesa totale che si attesta sui 16.970€; la seconda approvazione è andata all’Unione Val Nure Val Chero per il progetto “Digitale Bene Comune – Il Bilancio Partecipativo per l’attuazione dell’agenda digitale dell’Unione”: anche in questo caso la Regione ha accordato lo stanziamento di 15.000€ in risposta alla richiesta di 17.750 €.

“Dopo i risultati del bando dello scorso anno siamo riusciti a mantenere alto il numero di richieste di adesione- commenta l’assessore regionale al Bilancio e Riordino istituzionale, Paolo Calvano – inoltre, gli obiettivi che ci eravamo posti col bando di quest’anno sono stati raggiunti: tanti i nuovi enti proponenti e molti progetti di grande qualità, attraverso i quali verrà data voce ai punti di vista delle cittadine e dei cittadini emiliano-romagnoli”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà