Quartieri popolari Acer, ecco le telecamere di sorveglianza. Intervento da 155mila euro

18 Gennaio 2022

Con le ultime installazioni, è stato portato a termine in questi giorni il progetto di Acer Piacenza che ha messo in sicurezza con telecamere di sorveglianza i quartieri popolari del comune di Piacenza.

“Il mio ringraziamento – precisa il presidente di Acer, Patrizio Losi – va oltre che agli uffici al Sindaco Patrizia Barbieri che ha consentito l’utilizzo delle risorse messe a disposizione per le manutenzioni straordinarie degli alloggi, spalmando la cifra di 155mila euro in 5 anni”.

In pratica, 30mila euro ogni anno investiti in sicurezza: “E’ un tema molto sentito – prosegue il presidente e, fin dal mio insediamento, mi sono preoccupato di migliorare la qualità abitativa delle nostre famiglie, partendo anche dal senso di insicurezza che continui episodi di microcriminalità hanno creato in questi anni, minando la serenità nel vivere quotidiano”.

Quartieri “pilota” del progetto sono stati Barriera Farnese e San Sepolcro che, già da un paio di anni hanno in essere il servizio, a cui va aggiunto il passaggio quotidiano nei quartieri di Metronotte Piacenza: “Le telecamere installate nel complesso sono 140 – spiega l’ingegner Luca Marchesini, responsabile dell’ufficio Patrimonio e Condomini di Acer – per un totale appunto di 155 mila euro, prelevati in totale in 5 anni dal fondo di manutenzione straordinaria. Il canone mensile a carico degli inquilini, per sopperire ai costi di manutenzione e dell’assicurazione, è di circa 2,50 euro. Entro fine marzo pubblicheremo il bando per la gestione, manutenzione e assicurazione delle telecamere, oltre che il regolamento per la privacy e il collegamento in visione delle telecamere. Nel frattempo, è stato prorogato a Metronotte Piacenza l’affidamento a termine del servizio”.

Soddisfatta Patrizia Barbieri, sindaco di Piacenza : “Grazie alla loro funzione di controllo del territorio e di deterrenza, i sistemi di videosorveglianza rappresentano un investimento importante per la sicurezza delle persone e per la tutela e salvaguardia dei beni pubblici e privati, in un’ottica di generale miglioramento della qualità di vita di una comunità”.
Si allega il resoconto degli impianti di videosorveglianza installati nei quartieri popolari di Barriera Farnese, PEEP, Quartiere San Sepolcro, Barriera Roma.

Dettaglio videosorveglianza Acer

© Copyright 2022 Editoriale Libertà