Inaugurato l’hub vaccinale di Gallarate grazie anche al lavoro dei pontieri piacentini

25 Gennaio 2022

Anche i militari del genio pontieri di Piacenza sono stati impegnati per la realizzazione del centro vaccinale all’ex deposito dell’Aeronautica militare a Gallarate in provincia di Varese. Un mega hub che aggiunge alle attività legate ai tamponi, in modalità “drive throgh”, la somministrazione dei sieri anti Covid, a regime con un potenziale di 60 linee e di 8.500/10.000 somministrazioni al giorno. Partenza con visita del generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza sanitaria e di Guido Bertolaso, responsabile per la campagna vaccinale in Lombardia.

Il generale ha parlato di una Lombardia avanti nelle vaccinazioni, non solo anti Covid. Ha ricordato, inoltre, che l’area del deposito è in comodato d’uso, dunque senza esborsi per la Regione, ed elogiato la collaborazione, nata intorno al progetto, tra Ats Insubria, Asst Valle Olona, istituzioni locali, militari della Caserma Nato “Ugo Mara” di Solbiate Olona. Molto apprezzato l’apporto del Secondo reggimento genio pontieri di Piacenza, che ha reso di nuovo operativa l’area.

In particolare, l’8 dicembre 2021, una compagnia lavori del 2° reggimento pontieri è entrata nell’ex deposito dell’Aeronautica militare di Gallarate, con il prioritario compito di realizzare una bretella stradale di 250 metri, necessaria al raccordo del futuro hub vaccinale con la viabilità urbana.

“Nonostante le condizioni ambientali e climatiche particolari di operare in un terreno fortemente disconnesso e abbondante di vegetazione, in giornate fredde e nevose, l’opera è stata realizzata in cinque giornate lavorative – fanno sapere dal reggimento piacentino -. E’ stata seguita dal ripristino di tutto l’asse stradale interno, con attività di asfaltatura e manutenzione degli impianti di smaltimento delle acque reflue”.

I lavori del genio (2° Pontieri) hanno così consentito l’attivazione del drive through in data 30 dicembre (i cui padiglioni sono stati posti in opera dal personale del Restal di Nrdc Ita) e il proseguimento dello sforzo logistico per l’afflusso dei materiali delle varie ditte che hanno allestito il centro vaccinale massivo. In particolare, contemporaneamente all’inizio dei lavori delle citate ditte, i Pontieri hanno realizzato nuove aree di parcheggio per circa 900 posti auto a servizio della futura utenza.

Presso il padiglione dedicato alle vaccinazioni, i genieri hanno inoltre operato, con peculiari attrezzature in dotazione, delle demolizioni murarie per nuove uscite di emergenza. Ulteriori demolizioni sul piano stradale hanno consentito di realizzare  spazi da dedicare ai parcheggi per portatori di handicap ed al personale medico-sanitario di servizio.

I lavori sono durati 45 giorni, incluse le festività, sovente di notte con il ricorso a torri di illuminazione, hanno comportato il dispiegamento nel tempo di una compagnia lavori, opportunamente turnata in plotoni di 20 unità ciascuno, in considerazione della particolare congiuntura pandemica, a garantire la rotazione del personale specializzato sul cantiere e le migliori condizioni di distanziamento e sicurezza. Tra le capacità impiegate, escavatori e pale caricatrici di grande e piccola capacità, rulli compattatori, livellatrici e vibrofinitrici.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà