Scuole Gragnano, impianto di ventilazione. Calza: “Senza gravare sulle casse comunali”

02 Febbraio 2022

Importante intervento alle scuole elementari e medie di Gragnano, con la realizzazione di un impianto di ventilazione meccanica controllata, che permette a studenti e insegnanti di rimanere in aula in sicurezza senza dover tenere aperte le finestre.

L’intervento – finanziato con bando d a200mila euro del Ministero dell’Istruzione – accoglie le “Indicazioni per la prevenzione delle infezioni da Covid in ambito scolastico” ed è stato realizzato senza gravare sulle casse comunali. I lavori sono stati realizzati a tempo di record, nei fine settimana e durante le festività natalizie, senza influire sul regolare corso delle lezioni.

Il sistema è costituito da una macchina ventilante che estrae aria dell’ambiente ed immette aria prelevata dall’esterno; il cuore è uno scambiatore di calore, che permette di sottrarre il calore dall’aria che viene espulsa utilizzandolo per riscaldare l’aria che viene immessa, che viene anche filtrata da polveri e pollini. In questo modo viene recuperato mediamente il 60% del calore, con un notevole risparmio di energia e di costi. Oltre ai vantaggi sulla salute dei ragazzi, l’installazione di queste macchine, a parità di volume di ricambio aria ottenuto aprendo le finestre, porta ad un risparmio economico stimato di 1.500 euro/anno (calcolati sul costo storico dell’energia del 2021).

“Io e l’assessore Schiavi vogliamo esprimere la nostra enorme soddisfazione per essere riusciti a dotare scuole elementari e medie di Gragnano di un impianto che è presente in pochissime scuole del territorio provinciale – ha spiegato il sindaco Patrizia Calza -: si tratta dell’impianto di ventilazione meccanica controllata che, consigliato in precedenza per garantire la salubrità dei locali scolastici, è diventato, con la pandemia, una necessità. Grazie ad esso ragazze e ragazzi possono frequentare la scuola in sicurezza, senza la necessità di aerare e cambiare l’aria aprendo porte e finestre, come impone oggi il protocollo sicurezza dettato dal Governo”.

“La soddisfazione è doppia – ha rimarcato il sindaco Patrizia Calza – perché è stata vinta una sfida importante. L’intervento, infatti, è stato realizzato grazie a un contributo statale e pertanto non grava sulle casse comunali. Va sottolineato il fatto che il bando a cui il Comune di Gragnano Trebbiense ha partecipato e con cui si è assicurato la somma di 200.000 euro, ovvero la cifra massima prevista dal bando stesso, era stato pubblicato a metà agosto 2021 e prevedeva tempi strettissimi di realizzazione: 31 dicembre 2021. Il Comune di Gragnano Trebbiense ha partecipato al bando e ha vinto insieme ad altri due comuni in provincia, ma solo il nostro è riuscito a realizzare l’intervento grazia ad un importante lavoro di squadra con progettisti, tecnici comunali e l’impresa che ha realizzato i lavori.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà