Via Calzolai, in arrivo gru e cantiere per sette mesi: malumori e raccolta firme

15 Febbraio 2022

Una gru è pronta ad apparire in via Calzolai a Piacenza. C’è chi dice a inizio marzo, chi a metà. Ma che appaia è cosa certa. E lo è altrettanto la preoccupazione di commercianti e residenti che hanno lanciato una raccolta firme per chiedere che il Comune intervenga. Sono duecento le voci dei bottegai e degli abitanti che si fanno sentire contro il cantiere avviato nella strada centralissima di Piacenza: a rappresentarle è la barista Arianna Pellini, titolare di un’attività da maggio 2019 e ora fortemente preoccupata per i problemi che il presumibile blocco della via creerà nella zona.

“Sia chiaro: noi non chiediamo che non ci sia un cantiere o che i lavori vengano interrotti – ci tiene subito a precisare – ma semplicemente che si possa trovare una soluzione alternativa, venirsi un po’ incontro. Ci è stato detto che verrà posizionata una gru in mezzo alla strada per almeno sette mesi: se fosse possibile magari tenerla per un periodo più limitato già saremmo soddisfatti”.

La questione ha inizio ormai un paio di mesi fa quando circa a metà di via Calzolai, nell’edificio dove oggi è presente un orefice e un tempo c’era anche la sede della “Pecora nera”, si apre un cantiere: “Ci è stato detto che l’edificio era stato comprato e sarebbe stato praticamente sventrato – spiega ancora Pellini – al posto delle vetrine ci saranno due garage: già questo ha creato un po’ di malumore, è stato chiesto se fosse possibile mantenere le vetrine, ma non si può. I lavori previsti dovrebbero durare un paio d’anni e per sette mesi almeno verrà posizionata una gru in mezzo alla strada. Così ci è stato detto”.

Allarmati dalla situazione, i commercianti e i residenti iniziano la raccolta firme: in poco più di un giorno se ne raccolgono ben duecento. Martedì scorso una rappresentanza è andata in Comune a incontrare l’assessore al commercio Stefano Cavalli e i dirigenti che hanno firmato i permessi dei lavori.

“In pratica ci siamo sentiti dire che la gru verrà posizionata – spiega la barista – già avrebbero dovuto farlo la scorsa settimana, probabilmente lo faranno a inizio o a metà marzo. Abbiamo fatto notare che mettendo una gru lì, qualora dovesse scoppiare un incendio o succedere qualcosa che richieda l’intervento dei vigili del fuoco nei giorni di mercato i veicoli non potranno passare. E al di là di questo anche il passaggio pedonale risulterà fortemente limitato dato che viene lasciato uno spazio di due metri”.

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà