Castello, c’è sempre più “fame” di alloggi da parte dei lavoratori della logistica

19 Febbraio 2022

“Devo trasferirmi a Castel San Giovanni per lavorare in logistica, ma non so dove alloggiare. Qualcuno sa se ci sono case in affitto a prezzi contenuti?”.

Sono tutti più o meno di questo tenore gli annunci che sempre più di frequente vengono postati sui gruppi social di Castello, a testimonianza di quanta “fame” di alloggi vi sia in città, da parte dei lavoratori della logistica. Chi arriva ha il più delle volte rapporti a tempo determinato, che non consentono però di stipulare contratti di affitto. “Il fatto è – dice una lavoratrice impiegata in un grosso insediamento del polo logistico castellano – che gli appartamenti in zona ci sono, ma la gente qui se ne approfitta. Io pagavo per una sola stanza 400 euro. Oltre a questo – aggiunge – c’è anche il problema che le case in affitto non te le danno se non hai un busta paga regolare. Loro vogliono vedere quella. Devi lavorare a tempo indeterminato, ma se ti assumono solo per qualche mese come fai?”.

L’onda lunga di questa fame crescente di soluzioni abitative l’avvertono anche gli operatori del settore. “Da noi – dicono dalle agenzie immobiliari – di richieste ne arrivano sempre tante, soprattutto in certi periodi dell’anno, che sono quelli durante i quali il lavoro nei magazzini aumenta. Spesso chi chiama chiede di fermarsi anche solo per pochi mesi, ma di affitti per così poco tempo non se ne trovano”. Chi ha provato a metterci una pezza è stata la parrocchia che di recente ha inaugurato una casa dell’ospitalità dove al momento alloggiano, senza pagare nulla, 4 persone. Tre sono lavoratori della logistica. “La richiesta è altissima – dice monsignor Giuseppe Busani – e noi al momento più di così non riusciamo a fare. Gli alloggi sono stati pensati – aggiunge il parroco di Castello – come strumento per sopperire ad una situazione di emergenza, per dar modo cioè a queste persone di superare la prima fase di precarietà in attesa che riescano a stabilizzare la loro situazione”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà