Lavoratori irregolari e mancanza di documenti: sospese due attività

26 Febbraio 2022

Un centro massaggi in città sospeso per la mancanza del documento di valutazione dei rischi, in aggiunta a una sanzione di 2.500 euro. Poi sei lavoratori stranieri assunti irregolarmente in una ditta con sede in provincia, per una serie di multe dall’importo complessivo di 20mila euro nei confronti del titolare, oltre alla sospensione dell’attività.

E’ l’esito dei controlli effettuati negli ultimi tre giorni dai carabinieri di Piacenza, che si sono concentrati sul contrasto del lavoro nero e alla sicurezza nelle imprese, in particolare alcune società, centri massaggi e cantieri edili.

Venerdì, infatti, è stato effettuato un accesso ispettivo in un cantiere edile in città impegnato in lavori di riammodernamento di uno stabile. E’ stato verificato il rispetto di tutte le norme in materia di sicurezza: idonea viabilità, l’utilizzo consono delle scale di accesso ai ponteggi, l’installazione di parapetti e idonee paratie per la difesa dalle cadute nel vuoto dei lavoratori, nonché la predisposizione di reti protettive all’esterno di ponteggi. Il responsabile del cantiere è stata invitato a presentare – per la successiva valutazione – tutta la documentazione relativa alla adeguata formazione dei lavoratori in merito ai rischi per la salute, alla designazione del coordinatore della progettazione e della redazione o verifica del Piano operativo di sicurezza.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà