Tre mamme e 7 minori in fuga dalla guerra, si mobilita Croce rossa Piacenza

08 Marzo 2022

Tre mamme e 7 minori ucraini della città di Chernivtsy  sono arrivati nella notte nel Piacentino, grazie alla Croce rossa di Piacenza. Si tratta di donne e bambini in fuga dalla guerra, inizialmente arrivati alla abbazia di Cavagnolo in provincia di Torino.

La segnalazione era giunta attraverso una donna ucraina, sposata con un piacentino e che vive a Pontenure, per aiutare alcune famiglie ucraine in fuga dal loro paese e composte rispettivamente da tre donne con i loro sette figli minori, assieme a loro anche un cagnolino. Arrivati fino in Romania e non sapendo come raggiungere l’Italia, si sono rivolti al Presidente di CRI Piacenza, Alessandro Guidotti il quale, dopo essersi confrontato con il Comitato Regionale e, d’intesa con il Delegato Area Emergenza Michele Gorrini, ha attivato nel primo pomeriggio di lunedì 7 marzo due pulmini della Croce Rossa per il recupero di queste famiglie che nel frattempo erano riuscite a giungere all’Abbazia di Santa Fede a Cavagnolo, in provincia di Torino.
Prima di essere caricate per raggiungere la nostra città, tutte e dieci le persone sono state sottoposte a visita medica e al tampone per Covid dove sono risultate tutte negative.

Mamme e figli saranno accolti provvisoriamente in una frazione di Farini, ospitati da una persona amica di famiglia della parente ucraina e mercoledì pomeriggio i tre nuclei familiari verranno trasferiti dalla Croce Rossa a Lugagnano dove saranno accolti dalla Parrocchia che ha messo a disposizione un appartamento gestito dalla Caritas parrocchiale e Caritas diocesana.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà