I sindacati dei pensionati al Comune: “Contributi di sollievo per il caro bollette”

28 Marzo 2022

“I sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp chiedono che il Comune di Piacenza individui modi concreti per aiutare i cittadini, a partire da quelli più fragili, per affrontare la grave crisi economica e i pesanti rincari dei costi dell’energia che si traducono su bollette sempre più pesanti”.

E’ quanto si legge in una nota diffusa dagli stessi sindacati. “La drammatica svolta avuta un mese fa con lo scoppio della guerra tra Russia e Ucraina – sottolineano i segretari Luigino Baldini (Cgil), Aldo Baldini (Cisl) e Pasquale Negro (Uil)- rende qualsiasi decisione ancora più urgente, tenuto conto che già solo dopo ventiquattr’ore dall’inizio del conflitto il costo del gas sui mercati è salito di oltre il 50%”.

Anche per questo motivo, il 23 marzo è stato chiesto e ottenuto un incontro con l’assessore ai servizi sociali e welfare Federica Sgorbati. I rappresentanti dei pensionati piacentini hanno fatto presente come “le associazioni sindacali si trovino ad affrontare ormai tutti i giorni richieste di famiglie per contributi per far fronte a rincari per i consumi di energia elettrica, caro benzina, riscaldamento: una vera emergenza”.

“In merito alla risposta da fornire alle nuove difficoltà che i cittadini devono affrontare per il forte aumento di bollette e riscaldamento – prosegue la nota – il sindaco Patrizia Barbieri, d’intesa con l’assessore ai servizi sociali e all’assessore al bilancio, intende mettere a disposizione circa 480mila che sono già ora disponibili. Inoltre, potrebbe essere possibile attingere ad un avanzo importante di bilancio di 8 milioni di euro che tuttavia le norme relative allo svolgimento delle prossime elezioni bloccano”.

I sindacati hanno quindi chiesto di mettere subito a disposizione i 480mila euro per contributi di sollievo.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà