La marcia per la pace del liceo Cassinari, consegnati beni destinati all’Ucraina

29 Marzo 2022

Una marcia silenziosa. Per la pace. Ma non solo. “Perché non potevamo restare insensibili rispetto all’immensa tragedia umanitaria che sta provocando questa sciagurata guerra” dicono i ragazzi in coro. Nella mattina di martedì 29 marzo un gruppo di una settantina di studenti del liceo artistico Cassinari è partito a piedi dalla sede di via Scalabrini per portare svariati sacchi e scatoloni pieni di generi di conforto, in particolare cibo e indumenti, alle ex scuderie militari di piazza Cittadella, dall’inizio del conflitto divenute il centro di stoccaggio di viveri, derrate e medicinali destinati alle zone afflitte dalla guerra in Ucraina. Decine di chili di cibo, alimenti a lunga conservazione e non deperibili più vestiario, suddivisi in scatolonie borsine.

“In queste settimane a scuola ci siamo interrogati su quello che potevamo fare nel nostro piccolo anche noi per chi soffre. E così abbiamo deciso di consegnare i beni” spiegano Tommaso Rovati, Leonardo Gruppini e Sara Meli. In tutto sono stati portati al centro dieci scatoloni e settanta borsine.

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO DI MARCELLO POLLASTRI SU LIBERTA’ DI MERCOLEDI 30 MARZO

© Copyright 2022 Editoriale Libertà