Alta Val Tidone, al via l’efficientamento energetico: meno CO2 entro il 2039

21 Aprile 2022

Obiettivo: ridurre l’emissione di circa 2.800 tonnellate di CO2 nei prossimi 17 anni. Il Comune di Alta Val Tidone lancia la sfida al cambiamento climatico. Con il contratto di Partenariato pubblico-privato appena siglato con Siram Veolia, gruppo leader nei servizi di efficienza energetica e gestione integrata delle risorse, è stata avviata una nuova collaborazione per l’efficientamento energetico degli edifici e della pubblica illuminazione.

LAVORI – Si prevede la riqualificazione e la successiva gestione delle centrali termiche degli immobili del Comune di Alta Val Tidone (circa tremila abitanti) ubicate nelle varie frazioni. Nel polo scolastico di Nibbiano sarà inoltre realizzata una centrale integrativa, alimentata da una caldaia a pellet di nuova concezione. Il nuovo impianto a biomasse performante contribuirà significativamente al percorso di decarbonizzazione intrapreso dal Comune. Inoltre è prevista l’estensione, il potenziamento e la riqualificazione della rete di pubblica illuminazione comunale, con la sostituzione degli attuali corpi illuminanti con nuove lampade a led energetici di ultima generazione, in ottica di riduzione dei consumi all’insegna della sostenibilità. Verranno inoltre sostituiti i quadri elettrici di comando e riqualificate parte delle linee elettriche oltre che i sostegni più vetusti.

“Per il Comune – spiega il sindaco Franco Albertini – è l’inizio di un percorso, voluto fortemente dall’Amministrazione, che prevederà nei prossimi anni una serie di iniziative organiche per migliorare il nostro Comune e renderlo sempre più accogliente, sicuro e sostenibile. A seguito della fusione abbiamo avviato la riorganizzazione degli immobili pubblici, e quindi ci stiamo impegnando per migliorare anche la gestione economica”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà