I ragazzi del giornale del Respighi raccolgono farmaci e medicazioni per gli ucraini

22 Aprile 2022

Giovani giornalisti con il cuore d’oro. Non si può definire diversamente i redattori del giornale studentesco “Il Buco” del liceo Respighi che nei giorni scorsi sono riusciti a raccogliere quasi mille euro per l’acquisto di farmaci, garze e prodotti per medicazioni avanzate da destinare all’Ucraina attraverso Federfarma e Croce Rossa.

L’idea nasce proprio dagli studenti e l’occasione l’ha offerta la celebrazione dei 75 anni del trasferimento del Respighi nella sua sede attuale in via piazzale Genova che si è svolta nelle scorse settimane: per l’occasione infatti Libertà era uscita con l’edizione allegata de “Il Buco”. Diverse copie erano presenti anche a scuola durante le iniziative di celebrazione e sono state distribuite dai redattori del giornalino su offerta libera.

“Abbiamo raccolto tanto, per la precisione 977 euro – spiegano l’insegnante Maria Grazia Marcotti e la caporedattrice de “Il Buco” Elettra Ronca – non ce l’aspettavamo, ma la generosità degli studenti e degli insegnanti, insomma di tutta la scuola, è stata tanta”. Quasi mille euro che i ragazzi della redazione, circa una trentina, hanno deciso di utilizzare per l’acquisto di farmaci da inviare in Ucraina: “Siamo andati alla farmacia Corvi di corso Vittorio Emanuele – spiegano Marcotti e Ronca – che è fra quelle aderenti all’iniziativa di Federfarma e di Croce Rossa. Vista la cifra considerevole donata, la farmacista ha consigliato l’acquisto di prodotti per le medicazioni avanzate che sono particolarmente costosi, oltre a bende e farmaci generici”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà