Nei bar via la mascherina. I clienti: “Per il momento preferiamo indossarla”

02 Maggio 2022

Da ieri l’Italia ha dato l’addio a quelli che per tanti mesi sono stati i principali capisaldi della lotta alla pandemia: green pass (con l’unica eccezione dell’ingresso nelle Rsa) e mascherine.

Pur restando in vigore almeno fino al 15 giugno l’obbligo di indossare la mascherina in molti posti al chiuso (traporto pubblico locale a lunga percorrenza, cinema, teatri, locali di intrattenimento e per tutti gli eventi sportivi al chiuso), per accomodarsi ai tavoli all’interno e a quelli all’aperto nei bar e ristoranti – oltre a non venire più chiesta alcun tipo di certificazione – ai clienti non serve più la mascherina, nemmeno per alzarsi a pagare o andare in bagno.

Nonostante l’allentamento delle restrizioni, a Piacenza sono però ancora parecchi i clienti che preferiscono mantenere questa ormai consolidata abitudine: “Rimane una sicurezza – ci hanno spiegato in molti – e per il momento continuiamo ad indossarla”.

Per esercenti, camerieri e baristi sono invece attualmente previste le mascherine in base al protocollo di sicurezza, che verrà rinnovato/modificato il 4 maggio.
“Anche se le regole non sono molto chiare – hanno commentato praticamente all’unanimità i titolari dei bar in centro storico che abbiamo interpellato – noi che stiamo dietro al bancone la indossiamo, anche per rispetto nei confronti dei clienti che ancora non si fidano ad entrare senza. Sicuramente non dover più controllare il green pass è invece un sospiro di sollievo”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà