Non si trovano cuochi, camerieri e lavapiatti: l’allarme lanciato da Fipe

24 Maggio 2022

 

Cuochi o camerieri: il tempo di attesa è infinito. C’è chi aspetta da tre mesi e chi addirittura da un anno. C’è chi ha provato a cercare per mesi, salvo poi rivolgersi a un’agenzia interinale, c’è chi invece non cerca neanche più. Torna la bella estate e torna anche l’annoso problema della ricerca del personale da parte di bar e ristoranti: cuochi, camerieri e lavapiatti sembrano chimere nell’orizzonte vasto di una domanda che si fa sempre più ampia. 

Ad aprire il vaso delle richieste è Cristian Lertora, titolare di un locale oltre che presidente di Fipe: “È da marzo che sto cercando una persona da far lavorare a trenta ore a settimana – spiega – sembra impossibile: ho trovato persone che avevano disponibilità ma solo fino alle 10 di sera o che volevano essere pagate in nero. Il fatto è che molti ragazzi evidentemente non hanno troppa voglia di fare questo lavoro, di essere impegnati la sera o il sabato e la domenica quando invece gli amici sono in giro. Non mi sembra sia tanto un problema di remunerazione, quantomai di volontà. E soprattutto non saprei come si possa risolvere”. 

 

I DETTAGLI NELL’ARTICOLO DI ELISABETTA PARABOSCHI SU LIBERTA’

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà