Siccità, a Gragnano ordinanza contro lo spreco di acqua dalle 7 alle 22

22 Giugno 2022

Non era forse mai accaduto che nel mese di giugno si parlasse già di razionare l’acqua potabili nelle abitazioni. A Gragnano, il sindaco Patrizia Calza ha firmato un’ordinanza – in vigore ufficialmente da lunedì scorso – che mette una stretta al consumo eccessivo di acqua nel suo comune, invitando i cittadini ma anche le utenze non domestiche all’uso del buon senso.

Fino al 15 settembre, come si legge nel testo dell’ordinanza, dalle 7 alle 22 l’acqua del rubinetto non si potrà utilizzare – salvo specifiche eccezioni – per irrigare orti e giardini, per lavare automezzi, riempire piscine e tutto ciò che non sia strettamente necessario al fabbisogno umano. Ma anche negli orari notturni non soggetti a limitazione si fa appello al senso civico e si invita a non abusare delle risorse idriche, limitando il consumo allo stretto necessario.

Chi sarà sorpreso a sprecare acqua in orario diurno sarà punito con una sanzione amministrativa variabile da 25 a 500 euro.

Alcune piccole raccomandazioni, intanto, possono già fare la differenza. Si invitano quindi i cittadini a verificare che gli impianti idrici non abbiano perdite, a utilizzare i dispositivi frangi-getto sui rubinetti, a utilizzare lavatrici e lavastoviglie solo a pieno carico, a preferire la doccia invece del bagno in vasca o a usare l’acqua di lavaggio della frutta per innaffiare le piante.

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà