Da ieri l’obbligo del Pos. Esercenti divisi: “Era ora”. “Così lavoriamo in perdita”

01 Luglio 2022

Da ieri anche un caffè o un pacchetto di gomme da masticare si possono pagare con bancomat e carte. Il 30 giugno, infatti, sono entrate in vigore le sanzioni per tutti i commercianti, gli artigiani e i professionisti che non si sono ancora dotati del Pos obbligatorio, o che negano ai clienti i pagamenti con carte di credito e bancomat. L’ammenda è di 30 euro, alla quale si aggiunge un 4% dell’importo del valore della transazione per la quale è stata rifiutata l’accettazione del pagamento.

Una novità, introdotta dal governo con l’obiettivo di combattere l’evasione fiscale, che ha subito trovato il plauso di alcune associazioni dei consumatori mentre sono evidenti le preoccupazioni delle associazioni di settore, in particolare dei tabaccai che chiedono un esonero. Ma non tutti la pensano così.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà