Maltempo, l’esperto: “Unione di più celle temporalesche. Fenomeno non prevedibile”

05 Luglio 2022

Quello di ieri è stato un super temporale, non facilmente prevedibile. Dopo la conta dei danni e l’imponente lavoro di ripristino – a cominciare da quello dei vigili del fuoco subissati di chiamate dal tardo pomeriggio di ieri e che hanno lavorato senza sosta per tutta la notte e la giornata odierna – ora c’è spazio per gli interrogativi: uno sopra a tutti: perché un fenomeno violento come quello di ieri, che ha devastato il piacentino spezzando alberi e facendo crollare muri, non era stato previsto e annunciato? Era possibile capire l’evoluzione improvvisa e imprevista delle celle temporalesche e cercare di mettere in salvo il salvabile, come ad esempio i banchi della fiera?

Lo abbiamo chiesto al nostro esperto, Vittorio Marzio di Meteovalnure.it

© Copyright 2022 Editoriale Libertà