Scuole di Ottone e Marsaglia, i sindaci della vallata: “No ai tagli, garantire l’istruzione”

10 Agosto 2022

“Mantenere in deroga le scuole anche nel prossimo anno, al fine di garantire il diritto all’istruzione nelle situazioni di particolare criticità come la nostra”. Così il presidente dell’Unione montana Valli Trebbia e Luretta Roberto Pasquali, insieme al sindaco di Ottone Federico Beccia e il commissario di Cerignale Luigi Swich, ha inviato una lettera alla Regione Emilia-Romagna, in merito ai tagli previsti nell’asilo di Marsaglia e nella scuola di Ottone.

“Ogni anno, in previsione del successivo anno scolastico, si ripresentano gli stessi interrogativi e si rendono necessarie estenuanti battaglie per tenere vive le scuole periferiche dei nostri piccoli comuni montani – si legge nella missiva – le scuole di montagna hanno pochi alunni, spesso sono pluriclassi, hanno sicuramente meno mezzi degli istituti in città ma sono realtà vitali, fondamentali per la tenuta del territorio. Le nostre scuole rappresentano l’unica agenzia culturale e hanno un’importanza strategica, perché mantengono la coesione e l’identità delle comunità locali e allo stesso modo, sfruttando anche le nuove tecnologie, possono ridurre il gap con le scuole urbane e raggiungere un alto valore formativo”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà