Verde e strade: sopralluogo a Sant’Antonio e Veggioletta. “Priorità ai microinterventi”

12 Agosto 2022

“Alla Veggioletta c’è un problema legato al verde pubblico, ad esempio nell’area di via Guicciardini o nel piazzale tra via Einaudi e via Pirandello, dove ormai un’unica pianta è sopravvissuta alla scarsa manutenzione. Il parcheggio, tra l’altro, è pieno di buche e dissesti. Come volontari, proviamo a prenderci cura di certe zone”. Ma non basta. Roberto Beltrametti, referente del comitato di quartiere, chiede all’amministrazione comunale “un intervento più massiccio e capillare”. E’ l’stanza avanzata stamattina durante il sopralluogo dell’assessore ai lavori pubblici Matteo Bongiorni, che si è recato prima a Sant’Antonio e poi alla Veggioletta per incontrare alcuni referenti dei gruppi civici, come promesso in una riunione convocata in municipio qualche giorno fa.

Priorità ai piccoli interventi: “Entro una settimana voglio posizionare una segnaletica migliore sul cordolo della pista ciclabile in via Emilia Pavese per evitare la caduta di altre persone”, dice l’assessore Bongiorni. Dopodiché si penserà a un maxi-piano di sistemazione delle frazioni piacentine.

Intanto, alla Veggioletta, il comitato segnala anche “il traffico a folle velocità nelle strade interne alla frazione, in primis in via Pirandello. Forse i dossi potrebbero contribuire a garantire più sicurezza”. A Sant’Antonio i residenti chiedono all’amministrazione comunale di regolare la viabilità sulla via Emilia, nonché di migliorare la manutenzione del verde e la pulizia delle aree pubbliche. “A Sant’Antonio – aggiunge l’assessore – vorrei risolvere subito alcuni problemi, tra cui l’apertura di un nuovo accesso nella recinzione del Bosco degli Alpini e l’abbattimento delle barriere architettoniche in via Turbini”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2022 Editoriale Libertà