Liste d’attesa, semaforo verde per il 94% di esami e visite a Piacenza: “Tempi più brevi”

02 Settembre 2022

Si accorciano le liste d’attesa dell’Ausl di Piacenza. Nelle ultime tre settimane, il trend positivo nell’ambito delle prestazioni diagnostiche e delle visite è più che evidente: complessivamente, i tempi richiesti dal ministero – 30 giorni per le visite e 60 giorni per le prestazioni diagnostiche – a Piacenza sono stati rispettati negli ultimi sette giorni per il 94,25% delle richieste. E anche per gli interventi chirurgici urgenti di classe A, i dati registrati da maggio a oggi sono positivi: i tempi richiesti sono stati rispettati a luglio nel 95,24% delle richieste, a maggio lo erano all’87,23%.

Lo chiarisce l’Ausl: “Negli ultimi mesi, sono state intraprese una serie di azioni per raggiungere gli obiettivi assegnati, con un ingente investimento di risorse umane ed economiche. Insieme alle diverse equipe di professionisti, sono state definite le modalità organizzative più funzionali per rispondere sempre al meglio alle esigenze degli utenti, aumentando le ore di apertura degli ambulatori che ancora presentano alcune criticità. Si stanno valutando anche aperture allargate al sabato per alcune specialità”. Inoltre “per arruolare nuovo personale è in corso una costante reiterazione di concorsi o altre procedure di assegnazione di posti”. Infine, “sono state attivate ulteriori partnership con il privato accreditato, attraverso contratti aggiuntivi, con risorse assegnate dalla Regione Emilia-Romagna”.

L’Azienda si appresta così ad affrontare l’autunno, periodo tradizionalmente caratterizzato da una forte richiesta di prestazioni, “con un’aumentata capacità produttiva”. I risultati delle ultime tre settimane, pubblicati ogni settimana dalla Regione Emilia-Romagna (www.tdaer.it) con il sistema dei semafori rosso, giallo e verde a seconda del livello degli obiettivi raggiunto, dimostrano il trend positivo.

L’ARTICOLO COMPLETO SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2022 Editoriale Libertà