Domani si torna a scuola. Gli studenti sono 400 in meno dell’anno scorso

14 Settembre 2022

Meno studenti sui banchi. Per effetto dell’inverno demografico che soffia a ondate  anche dentro le aule piacentine, domani, giovedì 15 settembre, la ripresa delle lezioni – il primo vero ritorno a scuola nella normalità post Covid – sarà per 35.397 bambini e ragazzi, contro i 35.804 dell’anno precedente.

Quattrocento, anzi, 407 in meno. Le assenze maggiori sono concentrate nel ciclo delle medie, mentre l’unico ordine ancora in positivo è – ma per il momento – risulta quello delle superiori. Soltanto nei giorni scorsi il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi , riferendo del fenomeno della denatalità e dei suoi effetti dentro le aule, ha dichiarato che in due anni la scuola italiana ha perso 300mila studenti e studentesse, come se un’intera città si fosse spenta.

Andando a ritroso, soltanto nel 2018 e nel 2020 l’anno scolastico a Piacenza è partito con un segno meno della popolazione scolastica. Ma, in entrambi i casi, si trattava di cali di lieve entità, una cinquantina di unità per anno, pari ad uno zero virgola percentuale. Quello di adesso, secondo i calcoli dell’Ufficio scolastico regionale di Bologna (che ha fornito tutti i dati) sarà più consistente, pari all’1,14 per cento (contro lo 0,88% della media regionale).

Emma Petitti, presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, ha inviato a tutti gli istituti scolastici della regione una lettera rivolta alle studentesse e agli studenti in occasione dell’inizio del nuovo anno scolastico: “Sarà un vero giorno della ripartenza per tutte e tutti”.

Lettera Petitti

© Copyright 2022 Editoriale Libertà