“Pagina hackerata, pubblicati contenuti porno”: l’attacco virtuale alla galleria d’arte

21 Settembre 2022

Il nuovo profilo Instagram di Spazio Rosso Tiziano

Un vandalismo virtuale può avere ricadute molto concrete. Lo testimonia Maurizio Sesenna, responsabile della galleria d’arte Spazio Rosso Tiziano, che ha subito un’intrusione sul suo profilo Facebook, seguito da migliaia di follower e che conteneva, fra le altre cose, gran parte dell’archivio degli eventi organizzati negli ultimi anni dalla galleria, nonché centinaia di contatti. Tutto perduto.

La sorpresa, di cui Sesenna avrebbe fatto volentieri a meno, si è palesata a luglio. “Mi ha chiamato un amico – racconta – dicendo che sul mio profilo Facebook era stato postato un video con contenuto pornografico. Mi sono precipitato da uno dei miei figli, più abile di me a usare i dispositivi tecnologici, ma il mio profilo era già stato chiuso da Facebook, sorte toccata anche a quello Instagram. Una scelta più che giustificata”.

Dopo un primo tentativo di rivolgersi alla polizia postale – “che mi ha detto di attendere, ma i tempi sarebbero stati troppo lunghi” – Sesenna cerca di entrare in contatto direttamente con Facebook, seguendo le istruzioni che rintraccia sul web, scontrandosi però con quello che non esita a definire “un muro di gomma”.

L’ARTICOLO COMPLETO DI FILIPPO LEZOLI SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2023 Editoriale Libertà