Manovre salvavita e defibrillatore: 10mila alunni formati da Progetto Vita

29 Settembre 2022

 

A nove, dieci anni sanno già usare un defibrillatore. Fare le manovre di primo soccorso. Spiegare ai loro coetanei che tutto questo non è difficile. È il piccolo miracolo che da ormai oltre dieci anni Progetto Vita compie nelle scuole: formare i bambini che a loro volta istruiscono gli amici. È così che 10 mila ragazzini delle scuole di tutta la provincia hanno imparato le manovre salvavita e l’uso del defibrillatore: ma le attività ancora vanno avanti e in occasione della Giornata del cuore, a Piacenza altri 130 bambini sono stati coinvolti nella formazione di Progetto Vita.

Al terzo circolo didattico guidato da Romeo Nicola Manno, sei classi si sono ritrovate a fare lezione: da una parte i bambini-formatori, dall’altra i bambini-allievi. Il terzo circolo fra l’altro è tra i pionieri delle attività di Progetto Vita: lo è anche grazie all’impegno dell’insegnante Loredana Francavilla che dal 2010 è la referente di Progetto Vita Ragazzi.

Vestite le magliette di Progetto Vita, i bambini di quarta e quinta hanno fatto lezione ai loro compagni delle prime classi in modalità “peer to peer”: “Si tratta di una modalità in cui credo molto perché è basata su una comunicazione condivisa che per gli scolari comporta meno ansia e più libertà di fare domande – continua Francavilla – ma non è finita qui: altri bambini già formati in modo da essere referenti di progetto sono andati in giro per le classi, calendarizzando l’attività di formazione per tutte fino a dicembre. L’obiettivo è quello di formare 1.200 bambini dei quattro plessi del terzo circolo (De Gasperi, Taverna, Giordani e Sant’Antonio, ndc) alla modalità corretta di chiamare il 118, alle manovre di primo soccorso e all’uso del defibrillatore”.

 

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà