Degrado nei cimiteri, piano da cinque milioni per la manutenzione: ok in giunta

11 Ottobre 2022

L’approvazione in giunta della “Proposta di partenariato pubblico privato per l’affidamento in concessione della gestione del sistema cimiteriale di Piacenza” segna un passo importante nell’obiettivo di migliorare la gestione e il consistente patrimonio rappresentato dai cimiteri della città che, oltre quello urbano, si compone di altri dieci cimiteri frazionali e di quartiere.

Un’esigenza sentita dalla cittadinanza e alla quale, dopo anni di gestione travagliata, si prova a dare una soluzione all’insegna della continuità e stabilità gestionale e della cura. Il percorso, avviato nell’aprile scorso con Altair Funeral s.r.l, Sanitaria Servizi Ambientali s.r.l. ed Edilver s.r.l., ha infatti portato dopo un’approfondita analisi a un progetto di fattibilità tecnica ed economica che riguarda sia la gestione sia gli interventi di riqualificazione. Una scelta di collaborazione pubblico-privato che, vista la precaria situazione degli impianti, delle strutture e del verde dei cimiteri urbani ed extraurbani, il Comune ha necessità di attivare quanto prima per intervenire nei medesimi cimiteri con opere di manutenzione ordinaria e straordinaria. Il tutto per consentire la realizzazione delle opere necessarie riducendo notevolmente l’impegno finanziario del Comune e perseguire il contenimento della spesa pubblica. Tra manutenzione ordinaria, straordinaria e nuovo verde, si prevede un investimento di circa 5,5 milioni in 15 anni.

Nella sostanza il project, appunto della durata di quindici anni, definisce a completo carico del concessionario tutti i servizi – e conseguenti oneri – relativi alla gestione delle procedure e alle attività ordinarie, al personale, alla custodia e guardiania, alle utenze, rifiuti e pulizia degli immobili e degli spazi comuni, alla pronta reperibilità, ai servizi per indigenti e al controllo e manutenzione delle attrezzature e adeguamento alle norme di sicurezza sia degli immobili sia delle attrezzature necessarie all’esecuzione dei servizi.

L’ARTICOLO COMPLETO DI MARCELLO POLLASTRI SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2023 Editoriale Libertà