Disoccupato, faceva la vita da ricco truffando con gli orologi di lusso: denunciato

20 Ottobre 2022

Il Comando provinciale della guardia di finanza di Piacenza ha dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo nei confronti di un uomo accusato di truffa aggravata ed autoriciclaggio.
Gli accertamenti investigativi, condotti dai finanzieri e coordinati dalla Procura della Repubblica, scaturiscono da un’attività di polizia giudiziaria rivolta ad un soggetto che,
nonostante l’assenza di fonti di reddito dichiarati al Fisco, esibiva una capacità di ricchezza del tutto anomala e sproporzionata, inducendo le Fiamme gialle a verificarne l’origine.
“Gli approfondimenti, effettuati anche attraverso lo strumento delle indagini finanziarie – spiega il Comando – hanno svelato come tale agiatezza fosse legata ad una truffa che il soggetto avrebbe architettato a discapito di una facoltosa donna con la passione degli orologi di pregio. In buona sostanza il soggetto, fingendosi mediatore presso l’unico rivenditore italiano per l’acquisto di prestigiosi orologi in edizione limitata, avrebbe dirottato i soldi degli acconti direttamente sul proprio conto corrente anziché sui conti correnti intestati al rivenditore autorizzato”.
Nel corso delle attività di perquisizione domiciliare i Finanzieri hanno rinvenuto anche diversi oggetti (abiti, accessori e borsette) di marche di moda tra le più costose ed esclusive.
La Procura della Repubblica, condividendo l’impostazione investigativa, ha emesso un
decreto di sequestro per due auto di grossa cilindrata, due moto, un conto corrente con oltre 100mila euro, quote societarie e diversi capi d’abbigliamento, borse e profumi griffati dal significativo valore commerciale. Il “giro” complessivo sarebbe di 500mila euro.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà